Oceano Atlantico

Posted from Miami, Florida, United States.

La nave è un piccolo mondo: pensavamo di trovare solo americani di ritorno da un viaggio in Europa e invece abbiamo avuto modo di conoscere persone con le più disparate ed interessanti storie di vita. C’era il cileno trasferitosi negli USA 35 anni fa che, con la famiglia e un lavoro come meccanico, ha studiato per diventare ingegnere e ha abitato in quasi tutti gli stati; il polacco di ritorno da una vacanza in Polonia che, terrorizzato all’idea di volare, ha preso la nave per tornare negli USA dove ha abitato per gli ultimi 15 anni per fare i bagagli e tornare a vivere in Polonia con sua figlia di 3 anni che cresce da solo; l’inglese che parla perfettamente italiano perché ha insegnato in Italia che sta tornando alle Antille dove si è trasferito da quando è andato in pensione; l’australiana in vacanza con l’amica statunitense di 80 anni che stanno viaggiando da tre mesi ospiti di alcune donne facenti parte dell’associazione 5W (Women Welcome Women World Wide). Queste erano solo alcune delle persone che abbiamo conosciuto.

I 15 giorni a bordo sono passati molto velocemente. Le attività da fare erano molteplici (casinò, palestra, giochi di società, aste d’arte, bingo, corsi di cucina, spettacoli teatrali, cinema, piscine, idromassaggi e solarium) e, benché la nostra preferita fosse mangiare, abbiamo avuto anche modo di smaltire e pulirci la coscienza con lunghe camminate nella pista di atletica di 500 metri che affacciava direttamente sull’oceano e con lezioni di salsa per prepararci al sud America.

Temevamo il mal di mare, ma neanche il terzo giorno di navigazione, quando le onde erano alte 6 metri, abbiamo saltato il consueto appuntamento con il buffet del Garden Restaurant (il nostro preferito tra le 12 scelte possibili!). Quello che invece abbiamo sofferto di più è avvenuto a Lisbona quando dopo tre giorni di navigazione siamo scesi per la prima volta. Il suolo sotto i nostri piedi si muoveva costantemente facendoci camminare come due ubriachi. Sarà stato per quello che tutti i venditori del porto ci approcciavano per propinarci dell’erba in strani sacchetti di plastica?

Sia la sosta a Lisbona che quella a Funchal un paio di giorni dopo ci sono sembrate troppo brevi per poter cogliere anche solo l’essenza delle due città: con rispettivamente 5 e 3 ore a disposizione, siamo a malapena riusciti a fare una passeggiata nel centro storico. Quello che invece abbiamo piacevolmente percepito è stata la differenza climatica rispetto alle due città nord Europee lasciate pochi giorni prima: i 25 gradi trovati in Portogallo hanno finalmente riscaldato le nostre ossa.

E ora l’America davanti a noi.

  18 commenti riguardo “Oceano Atlantico

  1. Annalaura
    14 ottobre 2012 alle 19:39

    Benarrivati nella terra dei desideri, dove tutto è possibile!!!! La vita di tanti scorre tra le vostre mani e tra le righe che ci regalate!

  2. 14 ottobre 2012 alle 21:49

    E ora dovete solo… Enjoy the american dream!!!

  3. ale ap
    15 ottobre 2012 alle 08:56

    cari!!!!!!non mi sono tolta neacnhce la giacca: mi sono subito connessa al vostro sito!!!!!!!!!!
    le foto sono stupende!!!!!scommetto che le ha fatte Elisa!:)
    non c’era obama ad attendervi?
    un abbraccio

  4. cristina
    15 ottobre 2012 alle 09:49

    Ciao Butei,
    che bello ritrovarvi! Ieri un austriaco si è buttato da 39.000 mt, ha superato il muro del suono, è arrivato sano e salvo sulla terra con il suo paracadute ……….il suo sogno l’ha realizzato, tutto è possibile!
    Un abbraccio

  5. Emilio
    15 ottobre 2012 alle 11:39

    E bravi! tenete botta e imparate per tutti!

  6. Sara
    15 ottobre 2012 alle 12:58

    In tutto ciò che hai scritto mi ci sono ritrovata: la crociera è proprio cosi’…ma ora inizia il vostro vero viaggio…Baci Sara

  7. Tita & Lolli
    15 ottobre 2012 alle 15:50

    … che meraviglia! Comunque condivido il pensiero che, nota negativa delle crociere è che siano troppo “mordi e fuggi” … anche a noi anni fa è capitato di fare una crociera ed era tutto troppo veloce, siamo capitati in posti meravigliosi, ma non ci si godeva niente…
    Intanto il nostro solito augurio per voi:
    “Avanti tutta”!!!!

  8. Emiliano
    15 ottobre 2012 alle 16:32

    Avanti avanti, c’e’ tutto un mondo. Bravi ragazzi. A presto.
    Emiliano

  9. Franco
    15 ottobre 2012 alle 18:16

    Inizio dell’avventura. In bocca al lupo!!!
    papà

  10. Dany Gloder
    15 ottobre 2012 alle 18:44

    Amo la tecnologia che ci fa sentire vicini!!!! bacioni sposini!!!!

  11. sandra
    15 ottobre 2012 alle 21:56

    Puff tutto bellissimo, pero scommetto che non mangere poi così bene. Dicono che a New Orleans invece si mangia come si deve! auguriiiiiiiiiiiii!

  12. ale ap
    16 ottobre 2012 alle 08:50

    tanti auguri elisa!!!!!amica di una vita!
    organizza mega party…con quelli di CSI:)
    auguri auguri!
    sicuramente sarà un compleanno indimenticabile

  13. elisa
    16 ottobre 2012 alle 12:34

    bene ragazzi,sono molto curiosa come procede la vostra avventura vi seguiro’….

  14. Ivan
    16 ottobre 2012 alle 15:27

    Bravi ragazzi, il viaggio è appena iniziato e di cose belle ne vedrete davvero tante. Spero che con le foto di Ale e le vostre descrizioni, le farete vivere un po’ anche a noi. Tanto tanto divertimento e ancora auguri Elisa 🙂

  15. Gianfranco Salomi
    16 ottobre 2012 alle 17:06

    Vi seguiamo sempre con grande interesse ed affetto (anche un pò di invidia) e nell’augurarvi buon proseguimento attendiamo ulteriori notizie appena possibile. Baci.

  16. simona
    16 ottobre 2012 alle 22:01

    Meravigliosa la crociera…. che invidia!!!!
    Inizia la nuova, strepitosa avventura! Auguri!!!!!!!!!!!!!!!
    Un bacione, mamis

  17. luca wanda
    17 ottobre 2012 alle 14:58

    visto il brutto mtempo alla partenza e ora solo luoghi fantastici, che evada cos’ tutto il viaggio, verso l’infinito e oltreeee 🙂

  18. paolo
    4 maggio 2014 alle 19:32

    Ciao!

    Scusate, ma non capisco: quanto è durata la traversata atlantica, da costa a costa (ossia da Lisbona alla Florida, se non sbaglio)?

    Sempre bello leggere il vostro blog!
    Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *