Zai jian!

Posted from Beijing, Beijing, China.

Ci siamo, oggi è l’ultimo giorno in Cina e domani, mercoledì, partiremo per Ulaanbaatar, Mongolia. Ora lo possiamo dire con certezza perché, anche se avevamo già i biglietti del treno, fino a pochi giorni fa non avevamo ancora né il visto per la Russia, né quello per la Mongolia! Venerdì scorso siamo tornati all’ambasciata russa per ritirare i passaporti, col cuore che batteva a mille… Alle 8.30 eravamo già in fila, ma lo sportello apriva alle 9. Alle 9.30 toccava a noi: diamo il biglietto per il ritiro e ci restituiscono i passaporti senza problemi, con il visto turistico per 30 giorni, come avevamo richiesto! Da lì avevamo circa mezz’ora di tragitto (fra camminata e metrò) per arrivare all’ambasciata della Mongolia che chiudeva alle 11. Anche lì ci siamo messi pazientemente in fila con modulo, passaporti, fotocopie e fototessere alla mano e alle 10.50 abbiamo lasciato il tutto, sperando che anche qui andasse tutto liscio! Ieri siamo tornati a metterci in fila e in un battibaleno ci siamo ritrovati con i passaporti nello zaino, ringraziando il cielo che sia andata bene anche questa volta, data la burocrazia così complicata e severa di questa parte del mondo.

Oggi facciamo gli zaini perché dopo 15 giorni a Pechino abbiamo roba sparsa in tutta la stanza.. Fuori piove e non possiamo far altro che ripensare a questi due mesi e mezzo trascorsi in questo immenso paese, del quale siamo riusciti a vedere solo una piccola parte. Sicuramente della Cina non dimenticheremo mai:

  • la sensazione di essere due superstar che abbiamo provato tutte le volte che i cinesi ci hanno fermati per fare una foto insieme a loro
  • l’accoglienza ricevuta sui treni, in ogni singolo viaggio fatto qui, in ogni classe di treno che abbiamo preso
  • i ragazzi nel parco di Nanchang che volevano imparare l’italiano
  • le sgomitate che amichevolmente (a volte non troppo!) abbiamo dato e abbiamo ricevuto per salire e scendere dal metrò
  • la bocca in fiamme dopo aver assaggiato un piatto che, puntualmente, nonostante avessimo chiesto che non fosse piccante e ci avessero assicurato che non lo fosse, era per noi fuoco puro!
  • il negozio di fotografie di matrimonio di Changsha
  • le decine di bambini che, tenuti in braccio dai genitori, facevano i loro bisogni per strada, nei cestini delle immondizie, in qualche angolino dei musei, nella città proibita, oltre il muro della muraglia, in metropolitana, sui sedili dei treni, al ristorante sotto il tavolo.. d’altra parte, i pannoloni in Cina non si usano e i poveri bambini vanno in giro coi pantaloni tagliati sul cavallo quindi tutte le volte, oltre che bagnare i genitori che li tengono in braccio, bagnano qualsiasi cosa ci sia attorno a loro.. incluso il piede di Eli una volta in un ristorante!
  • le migliaia di volte che ci siamo sentiti chiamare laowai
  • la signorina del ristorante di Shenzhen che non smetteva di ridere di noi, ma che quando le abbiamo chiesto di fare una foto insieme è stata serissima!
  • le code alle stazioni dei treni per cercare di acquistare un biglietto e i mille meiyou ricevuti in risposta
  • lo skyline mozzafiato di Hong Kong
  • le povere cameriere dei ristoranti che, ogni volta che qualcuno si alza e paga il conto, devono ripulire per mezz’ora sotto il tavolo perché qui gli avanzi di cibo si buttano per terra, insieme alle cicche di sigarette, agli eventuali tovaglioli usati, alle ossicina di pollo rosicchiate
  • i fantastici distributori di acqua calda gratuiti che si trovano dappertutto e che ci hanno permesso di fare sempre colazioni super economiche negli hotel e anche di berci qualcosa di caldo sui treni e nelle stazioni 
  • la strepitosa puntualità dei treni cinesi… Trenitalia dovrebbe prendere spunto!
  • la signora delle tagliatelle fatte a mano della bettolina di Pechino
  • il fantastico giretto al centesimo piano del grattacielo di Shanghai che ci ha fatto tremare le gambe
  • le decine di persone sul metrò che, concentrate nei loro giochini elettronici sui cellulari, o addormentate profondamente, si perdono la fermata alla quale devono scendere
  • le magnifiche risaie di Guilin… sotto la pioggia scrosciante

E ci sentiamo anche di dover ringraziare tutti gli amici che abbiamo rivisto qui, che ci hanno accolti nelle loro case, invitati a pranzo e cena, portati in giro, regalato qualcosa da mangiare per il viaggio in treno, condiviso con noi parte di questo bellissimo viaggio. Grazie dunque e zai jian: arrivederci!

  9 commenti riguardo “Zai jian!

  1. chiara
    25 giugno 2013 alle 14:27

    VI ASPETTIAMO!!!!!!

  2. Tita & Lolli
    25 giugno 2013 alle 19:58

    Ciao Laowai! Mamma a leggere che siete stati li due mesi e mezzo, sembra ieri che siete arrivati ad Hong Kong! Il tempo vola, e leggere i vostri racconti è sempre bellissimo e anche vedere le foto di Ale! Sicuramente porterete nel vostro bagaglio della memoria tutte le emozioni vissute di questo popolo tanto all’avanguardia che poi nelle piccole cose (vedi esempio dei pannolini) si perde in una goccia d’acqua…. E i paesaggi mozzafiato che avete visto. Che meraviglia!
    E adesso vedremo, nuovo popolo e nuovi usi e costumi… Siamo curiosi quindi….
    Avanti tutttttttaaaaaa!!!!!

  3. massimo
    26 giugno 2013 alle 08:08

    siete semplicemente fantastici. continuo ad apprezzare sempre di più le tue foto e i tuoi c ommenti sembra di vivere la vs esperienza di persona.
    a presto!!!!!
    zio max

  4. Emiliano Bedei
    26 giugno 2013 alle 17:05

    Ciao Ragazzi, ve l’avevo detto che con i passaporti filava tutto liscio (ho un amico lì, mi doveva un favore).
    Penso che la Cina non la dimenticherete mai più (anche tutto il resto e quello che deve venire), E’ stato bello anche per noi, grazie al vostro dettagliatissimo reportage. Comunque bando alle ciance, che adesso voglio sapere tutto sulla Mongolia.
    Zai jian da Emiliano ed Elena

  5. Gianfranco e Paola
    26 giugno 2013 alle 20:44

    Carissimi ancora una volta abbiamo letto i vostri diari di viaggio con immenso piacere; certamente state vivendo un’esperienza che, anche se faticosa, non dimenticherete mai. A noila gioia di partecipare alla vostra stupenda avventura, vi facciamo tantissimi auguri! A presto leggervi dalla.. Mongolia!
    Tanti abbracci.

  6. Fabri&Eli
    26 giugno 2013 alle 21:44

    Quante continue, intense e meravigliose emozioni ci regalate… Siete strepitosi ragazzi… Buona continuazione e zai jian!!!!
    Baci

  7. ale
    28 giugno 2013 alle 11:48

    salutiamo la cina!e aspettiamo di leggere della mongolia e russia…poi propongo di tornare a casa passando PER ASCOLI PICENO!!!!!!tutte le strade portano ad ascoli!olive fritte gia pronte!!!!
    vi abbraccio amici!grazie per portarci con voi!:)

  8. Alberto e Ricky
    29 giugno 2013 alle 21:48

    Ciao cugini! Vi seguiamo sempre con tanto interesse e curiosità, anche stavolta è stato proprio divertente leggere le vostre impressioni ed esperienze. Alla prossima e grazie!

  9. Franco
    2 luglio 2013 alle 11:10

    Comincio a contare i giorni….. Un abbraccio, papà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *