Dopo il viaggio (settembre 2013)

 

Ok ce l’abbiamo fatta, il viaggio è finito e siamo tornati a casa… Ma cosa ci resta di questa fantastica avventura? Come siamo cambiati e chi siamo diventati dopo questa bellissima esperienza? Abbiamo trovato quello che cercavamo? Siamo soddisfatti del giro? Cosa abbiamo dentro dopo quest’anno magnifico?
Ce ne sarebbero di risposte da dare, di emozioni da raccontare, di sensazioni da condividere, ma è molto difficile incanalare tutto in un tunnel che va direttamente dal cuore ai tasti del computer…
La cosa che ci viene da dire per riassumere questa esperienza è “che bello”! Bello perché abbiamo realizzato un sogno, perché ci eravamo dati un obiettivo e l’abbiamo raggiunto, perché è filato tutto liscio e non ci è successo niente di particolarmente brutto. Ma il bello in realtà non è solo questo e non sono neanche i paesaggi mozzafiato che abbiamo visto, i grattacieli altissimi sui quali siamo saliti, i musei che abbiamo visitato. Bello è piuttosto l’accoglienza che abbiamo ricevuto in giro per il mondo, le persone che abbiamo conosciuto, l’amore che ci hanno dato i bambini vestiti di stracci; bello è essere partiti col cuore aperto, pronti a dare tanto ma rendersi conto, al ritorno, di aver ricevuto molto più di quanto si è dato. Bello è la famiglia messicana che ci ha invitati a cena a festeggiare il Dia de los Muertos e che ha messo per noi la tovaglia di pizzo; bello è la signora russa che ci ha fermati per strada e, senza parlare una parola d’inglese, ci ha accompagnati in una via dove c’erano le più antiche case in legno della città; bello è la famiglia colombiana che senza neppure conoscerci, ci è venuta a prendere nell’hotel dove stavamo e ci ha portati a dormire a casa sua; bello è il bambino che vive nelle baracche che ha condiviso con noi il suo pasto di mais cotto al vapore; bello è la Nutella e la moka pronta per noi appena arrivati a Hong Kong a casa di amici; bello è la nonna boliviana poverissima che ci dice che ai suoi cinque nipoti di cui si occupa in fondo non manca niente e che sono felici così; bello è i ragazzi argentini che ci hanno cucinato il loro piatto forte; bello è il marinaio filippino che ci ha regalato due braccialetti fatti da lui prima che scendessimo dalla nave; bello è la famiglia russa che ci ha invitati a cena e non aveva neppure il tavolo da pranzo ma per l’occasione ha aperto una bottiglia di champagne; bello è la famiglia ecuadoregna che ci ha offerto la camera più grande in casa sua e ci ha fatto esplorare la foresta amazzonica; bello è la ragazza cinese che nel vederci si è emozionata perchè non aveva mai parlato con due stranieri; bello è l’affetto che abbiamo ricevuto nei commenti lasciati su questo sito…
Tutto questo e molto di più ci portiamo dentro dopo questo viaggio. Tutto questo amore gratuito che abbiamo ricevuto in ogni paese ci ha fatto capire che il mondo è pieno di belle persone oltre che di belle cose da vedere. Ed era proprio quello che volevamo sperimentare, è l’essenza del perché abbiamo intrapreso questo viaggio, è il motivo per cui continueremo a viaggiare: le persone che popolano questo mondo sono belle e vale la pena conoscerle tutte!
Al ritorno un’amica ci ha detto: siete uguali ma diversi… ed è proprio così che ci sentiamo oggi: uguali perché siamo sempre noi, ripiombati nel nostro tran tran di lavoro, casa, macchina, traffico, spesa, ma sostanzialmente diversi perché arricchiti da tutta la positività che abbiamo ricevuto e che speriamo di trasmettere e condividere con chi ci sta vicino.
Oggi, tornati dal viaggio ci sentiamo solo di poter ringraziare chi ci ha accompagnati dall’alto, chi ci ha accolti e aperto il suo cuore, chi ci ha sostenuti in questa scelta di vita, chi ci ha seguiti virtualmente e chi ci trova oggi e prova, leggendoci, a viaggiare un po’ con noi!

  10 commenti riguardo “Dopo il viaggio (settembre 2013)

  1. Cristina
    2 ottobre 2013 alle 10:27

    Bello è l’avervi conosciuti virtualmente per caso
    Bello è l’avervi seguiti nel vostro viaggio
    Bello è la vostra volontà di scrivere e aggiornare il blog di viaggio e la bontà di condividerlo con tutti.
    Bello è leggervi e avere vostre notizie
    Cristina ch

  2. Raffy
    2 ottobre 2013 alle 10:46

    “Chi torna da un viaggio non é mai la stessa persona che é partita”..ed il vostro é stato un viaggio attraverso il Mondo, per accogliere il Mondo..per scoprirne le meraviglie e conoscere la vera bellezza delle persone..
    E’ la conquista piú grande che avreste potuto fare..e che vi fará svegliare ogni giorno col sorriso di chi ha avuto il coraggio di “aprirsi” all’ignoto..per poi scoprire che lí fuori, in fondo, ci sono tanti Amici! 🙂
    “Leggere” il vostro viaggio fa bene alla mente ed al Cuore..ed io sono felice di farlo! ^_^ Un coloratissimo grazie.. 🙂

  3. Emiliano Bedei
    2 ottobre 2013 alle 16:57

    Quello che avete fatto, quelli che avete conosciuto, quello che avete visto, quello che avete regalato, vi resterà per sempre !!!!!

    Una abbraccio forte forte
    Emiliano ed Elena

  4. Tita & Lolli
    3 ottobre 2013 alle 16:45

    Bello è stato accompagnarvi ed essere accompagnati nel vostro meraviglioso viaggio!
    e confermo il vostro pensiero, quando si torna da un viaggio, non si torna mai uguali ma sempre arricchiti da nuove esperienze e stili di vita visti.
    Viaggiare è la cosa più bella del mondo!
    Un abbraccio e bentornati!
    Lolli & Tita

    p.s. secondo me la vostra mente stà ancora “volando” ….. ops! Camminando! 🙂

  5. Lucia
    3 ottobre 2013 alle 22:40

    Avete vissuto questa bellissima esperienza fedeli al motto che vi siete scelti “coi piedi per terra!”, miei carissimi Elisa ed Alessandro, e come sono fiera di avervi conosciuto! Il mondo è come lo sappiamo vedere noi, ciascuno di noi. Voi avete vissuto il bello di ogni luogo, di ogni persona incontrata, perché siete stati belli voi. E’ la verità per chi vi ha conosciuto direttamente ed ha condiviso con voi anche un solo istante.
    Io non ho incontrato tutte quei volti e quei luoghi che avete visto voi, ma li ho visti attraverso il vostro sguardo limpido perchè è così che deve osservato questo mondo. Non avete cercato alcun risvolto torbido, ambiguo, inquieto, nessun effetto alterato da diffidenza, falsità o prepotenza ma con l’onestà che vi contraddistingue. Coi piedi per terra e con “…la testa sul collo”! E’ così che si riconosce la vera bellezza in ogni cosa! Il bello, pur essendo alla portata di tutti, si svela solo ad un occhio trasparente e solo così può rivelarsi anche agli altri.
    Avete scelto di economizzare su tanto, ma non sul vostro talento!
    Lucia

  6. Amedeo
    6 ottobre 2013 alle 22:34

    Continuate a raccontarci di voi e di come il viaggio vi aiuta nella nuova quotidianità!

  7. cristina
    11 ottobre 2013 alle 20:41

    Ciao, che bei commenti!! Sono d’accordo con tutti, il viaggio che avete intrapreso voi è il VIAGGIO, pronti a tutto e a tutti, e secondo me le persone che avete incontrato l’hanno letto nei vostri occhi.
    Accidenti mi mancano le vostre avventure…….comunque passerò ancora da queste parti.
    Un abbraccio.
    Cristina

  8. lu
    7 novembre 2013 alle 08:44

    Ciao x caso o letto un po del vostro blog e sai secondo me cosa rimano del dopo viaggio forse la voglia che nn sia mai finito
    Continuare a xdrsi nn fermarsi mai il quotidiano e sempre più banale

  9. enrico
    17 ottobre 2014 alle 16:04

    Scopro della vs avventura solo 5 minuti fa, mentre sto partendo per 15 gg in marocco con la mia compagna. Domattina, se Dio lo vuole, si parte.

    Naturalmente fai da te.

    Un saluto ad una coppia fantastica, che probabilmente copiero’ fra qualche tempo.!!!

    Ciao!!!!

    • eliale
      15 gennaio 2015 alle 10:52

      Ciao Enrico!
      Com’è andato il viaggio in Marocco?
      é una delle mete che abbiamo in cuore per il futuro.. speriamo di riuscire ad andarci presto. Ti chiederemo informazioni se mai!
      Grazie per averci scritto e scusa per il ritardo con cui ti rispondiamo!
      Elisa e Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *